Home ] Up ] The Controversy ] Online Books ] Study the Word! ] GOD's Health Laws ] Religious Liberty ] Links ]

 

 

Capitolo trentaquattresimo

I morti possono parlare con noi ?


biblico sul ministero dei santi angeli, che è una delle verità più consolanti e preziose per ogni seguace di Cristo, è stato oscurato e pervertito dagli errori della cosiddetta « teologia popolare ». La dottrina dell'immortalità naturale dell'anima, attinta in origine dalla filosofia pagana, fu poi incorporata nella fede cristiana e soppiantò la verità chiaramente esposta nella Scrittura secondo cui « i morti non sanno nulla ». Moltitudini di persone hanno così finito col credere che gli « spiriti ministratoril mandati a servire a pro di quelli che hanno da eredare la salvezza » Ebrei 1: 14, in realtà sono gli spiriti dei morti. Questo, nonostante la testimonianza biblica dalla quale risulta che gli angeli esistevano e operavano molto prima che la morte colpisse il primo essere umano.

La dottrina dello stato cosciente dell'uomo nella morte, e soprattutto la credenza che gli spiriti dei defunti ritornano per aiutare i vivi, ha preparato la via allo spiritismo moderno. Se i morti sono ammessi alla presenza di Dio e dei santi angeli, e se essi godono del privilegio di una conoscenza di gran lunga superiore a quella che possedevano precedentemente, perché non dovrebbero ritornare sulla terra per illuminare e istruire i viventi? Se, come certi teologi insegnano, gli spiriti dei trapassati si aggirano intorno ai loro amici che sono sulla terra, perché non dovrebbe essere loro permesso di comunicare con essi, di avvertirli contro il male o di consolarli nell'afflizione? Coloro che credono nello stato cosciente dei morti, come potrebbero respingere ciò che giunge loro come luce divina comunicata da spiriti glorificati? Questo mezzo di Comunicazione, considerato sacro, dà a Satana la possibilità di attuare i suoi progetti. Gli angeli caduti, esecutori dei suoi ordini, si presentano come messaggeri del mondo degli spiriti. Mentre afferma di mettere i vivi in comunicazione coi morti, il principe del male esercita sulle loro menti il suo influsso seduttore.

Egli ha il potere di fare apparire davanti agli uomini le sembianze dei loro amici defunti. La contraffazione è perfetta: l'aspetto familiare, le parole, il tono della voce, vengono riprodotti con meravigliosa precisione. Molti sono confortati dalla certezza che i loro cari godono della felicità celeste e, non sospettando nessun pericolo, danno retta a « spiriti seduttori e a dottrine di demoni ».

Quando Satana li ha indotti a credere che i morti ritornano effettivamente per comunicare con loro, fa apparire ai loro occhi delle persone. che erano scese nella tomba impreparate, le quali pretendono non solo di essere felici in cielo, ma di occupare addirittura posizioni elevate. In tal modo si propaga l'errore secondo cui non c'è dìfferenza fra giusti e malvagi. 1 pretesi visitatori del mondo degli spiriti, talvolta danno consigli e avvertimenti opportuni. Così conquistano la fiducia e ne approfittano per esporre dottrine che minacciano la fede nelle Scritture. Sotto l'apparenza di un profondo interesse per il bene dei loro amici terreni, essi insinuano i più pericolosi errori. Il fatto, poi, che essi affermano alcune verità e che talvolta riescono perfino a predire certi eventi futuri, dà alle loro affermazioni un'apparenza di credibilità, per cui i loro falsi insegnamenti sono facilmente accolti dalle moltitudini e implicitamente creduti come se si trattasse delle più sacre verità bibliche. La legge di Dio viene messa da una parte, lo Spirito della grazia disprezzato, e il sangue del patto considerato profano. Gli spiriti negano la deità di Cristo e pongono il Creatore _addirittura sul loro stesso livello. Così, sotto un nuovo travestimento, il grande ribelle prosegue contro Dio la lotta cominciata in cielo e continuata sulla terra per quasi seimila anni.

Molti cercano di spiegare le manifestazioni spiritiche attribuendole alla frode o alla prestidigitazione del medium. Però, se è vero che i frutti della frode vengono fatti passare per manifestazioni reali, è anche vero che ci sono state evidenti dimostrazioni di potere sovrannaturale. I misteriosi colpi con i quali ebbe inizio lo spiritismo moderno, non erano il risultato di una mistificazione umana, ma l'opera diretta degli angeli malefici che in tal modo introdussero uno degli inganni più deleteri per l'anima umana. Molti sono vittime della credenza che lo spiritismo è solo una impostura umana; ma quando vengono posti a faccia a faccia con manifestazioni che sono costretti a considerare come sovrannaturali, rimangono ingannati e le considerano come grande potenza di Dio.

Queste persone non tengono conto della testimonianza delle Scritture per quel che riguarda i prodigi operati da Satana e dai suoi agenti. Fu per l'intervento satanico che in Egitto i magi riuscirono a contraffare davanti a Faraone l'opera di Dio. Paolo afferma che prima del secondo avvento di Cristo vi sarà un'analoga manifestazione di potenza diabolica. La venuta del Signore sarà preceduta. dall'« azione efficace di Satana, con ogni sorta di opere potenti, di segni e di prodigi bugiardi; e con ogni sorta d'inganno d'iniquità » 2 Tessalonicesi 2: 9, 1*0. L'apostolo Giovanni, così descrive la manifestazione diabolica di questa potenza negli ultimi giorni: « E operava grandi segni, fino a far scendere del fuoco dal cielo sulla terra-in presenza degli uomini. E seduceva quelli che abitavano sulla terra coi segni che le era dato di fare » Apocalisse 13: 13, 14. Qui non si parla di impostura: gli uomini saranno sedotti dai miracoli che gli agenti di Satana compiono realmente, non che pretendono di compiere.

Il principe delle tenebre, che da tanto tempo dedica le risorse del suo gigantesco intelletto all'inganno, adegua abilmente le sue tentazioni alla gente di ogni classe e condizione. Alle persone colte e raffinate egli presenta lo spiritismo sotto un aspetto elevato e intellettuale, e così riesce ad attirare molti nelle sue reti. La sapienza che lo spiritismo impartisce è così definita dall'apostolo Giacomo: « Questa non è la sapienza che scende dall'alto, anzi ella è terrena, carnale, diabolica » Giacomo 3: 15. Naturalmente, il grande seduttore si tiene nascosto quando ciò si adatta ai suoi piani. Colui che poté presentarsi a Cristo, nel deserto della tentazione, ammantato dello splendore di un serafino celeste, si presenta agli uomini sotto l'aspetto più attraente: come un angelo di luce. Egli propone alla ragione temi elevati; sollecita la fantasia con scene grandiose, e cerca di accaparrarsi gli affetti con eloquenti descrizioni dell'amore e della carità. Suggerisce all'immaginazione gli slanci più grandiosi e induce gli uomini a essere talmente orgogliosi della propria saggezza, che in cuor loro finiscono col disprezzare Iddio. Questo essere tanto potente, che riuscì a condurre il Redentore del mondo sopra un alto monte e a mostrargli tutti -l'regni del mondo e la loro gloria, presenterà le sue tentazioni agli uomini con tale sottigliezza da pervertire i sensi di tutti coloro che non sono protetti dalla potenza divina.

Oggi Satana seduce gli uomini come sedusse Eva in Eden: lusingandoli, sollecitando il desiderio di una conoscenza proibita e suscitando l'ambizione di lode. Con questi mezzi, egli fece cadere i nostri progenitori e con questi stessi mezzi egli cerca, ora, di provocare la rovína dell'umanità. « Sarete come Dio », egli disse, « avendo la conoscenza del bene e del male » Genesi 3: 5. Lo spiritismo insegna che « l'uomo è un essere che tende a progredire, e che il suo destino fin dalla nascita è di avanzare eternamente verso la divinità ». E ancora: « Ogni mente è giudice di se stessa e non di altri ». « Il giudizio sarà giusto, perché sarà il giudizio di se stesso... Il trono è dentro di voi ». Un maestro spiritista ha detto: « Quando in me si sveglia la coscienza spirituale, i miei simili mi appaiono come dei semidei non decaduti ». Un altro dichiara: « Ogni essere giusto e perfetto è Cristo ».

Così, alla giustizia e alla perfezione dell'Iddio infinito, vero oggetto di adorazione; alla perfetta giustizia della sua legge, vera norma dell'ideale umano, Satana ha sostituito la peccaminosa e fallibile natura dell'uomo stesso, come unico oggetto di adorazione, come unica regola di giustizia, come unico ideale di carattere. Questo non è certo un progresso, ma un regresso.

È una legge di natura intellettuale e spirituale che noi siamo trasformati da ciò che contempliamo. La mente gradatamente si adatta ai soggetti sui quali si sofferma, e finisce per somigliare a ciò che ama e riverisce. Se l'io è il suo ideale supremo, non potrà mai giungere a qualche cosa di più elevato; ma finirà con lo scendere sempre più giù. Solo la grazia di Dio ha il potere di nobilitare l'uomo; se lasciato a se stesso, egli seguirà una via che lo condurrà inevitabilmente in basso.

Lo spiritismo si presenta a quanti amano il vizio, il piacere e i sensi, sotto un aspetto meno raffinato di quello riservato per chi è colto e intellettuale. Essi trovano nelle sue forme meno elevate qualcosa che si armonizza con le proprie inclinazioni. Satana studia tutti gli indizi di fragilità umana, prende nota dei peccati che ogni persona è incline a commettere e poi approfitta delle immancabili opportunità per appagare le proprie tendenze al male. Egli ci tenta a eccedere in ciò che è lecito e ci spinge, mediante l'intemperanza, a indebolire le nostre facoltà fisiche, mentali e morali. t così che ha distrutto e distrugge migliaia di persone tramite il soddisfacimento delle passioni che l'abbrutiscono. Quindi, per completare la sua opera, egli dice per mezzo degli spiriti che « la vera conoscenza pone l'uomo al di sopra della legge »; che « tutto ciò che è, è legittimo »; che « Dio non condanna » e che « tutti i peccati commessi sono innocenti ». Quando la gente è persuasa che il desiderio è la legge suprema, che la libertà è sinonimo di licenza, e che l'uomo è responsabile solo verso se stesso, come stupirsi se la corruzione e la depravazione dilagano per tutta la terra? Moltitudini dì persone accettano avidamente quegli insegnamenti che le lasciano libere di seguìre le sollecitazioni dei loro cuori carnali. Le redini del dominio di sé sono abbandonate alla cupidigia; le facoltà mentali e morali sono soggette alle inclinazioni carnali e Satana, esultante, attira nelle sue reti migliaia di persone che pur si dicono seguaci di Cristo.

Nessuno, però, ha bisogno di lasciarsi ingannare dalle menzognere pretese dello spiritismo, perché Dio ha dato al mondo luce sufficiente per poterne smascherare l'insidia. Abbiamo visto che la teoria che sta alla base dello spiritismo è in conflitto con le più chiare affermazioni della Scrittura. La Bibbia dice che i morti non sanno nulla, che i loro, pensieri sono periti e che nulla sanno delle gioie o dei dolori dei loro cari che sono sulla terra.

Inoltre, Dio ha espressamente proibito ogni pretesa comunicazione con gli spiriti dei defunti. Al tempo degli ebrei, vi era una categoria di persone che asserivano dì comunicare con i trapassati. Ma gli « spiriti di Pitone » come venivano chiamati questi visitatori di altri mondi, la Bibbia li definisce anche « spiriti di demoni » Vedi Numeri 25: 1-3; Salmo 106: 28; 1 Corinzi 10: 20; Apocalisse 16: 13, 14. 1 rapporti con gli « spiriti di Pitone » erano in abominio al Signore, ed erano espressamente vietati sotto pena di morte (Levitico 19: 31; 20: 27). La « stregoneria » e ancora oggi considerata spregevole. La pretesa secondo cui gli uomini possono avere rapporti con gli spiriti malefici è considerata come una superstizione medievale. Ma lo spiritismo, che conta i suoi convertiti a centinaia di migliaia, per non dire milioni, che si è fatto strada nei circoli scientifici, che ha invaso la chiesa, che gode la stima dei corpi legislativi e perfino delle corti dei re, questo mastodontico inganno è solo un risveglio, sotto un travestimento nuovo, della magia anticamente condannata e proibita.

Se il cristiano non avesse altra prova del vero carattere dello spiritismo, basterebbe il fatto che gli spiriti non fanno differenza fra giustizia e peccato, f ra i più nobili e puri apostoli di Cristo e il più corrotto servitore di *Satana. Facendo credere che gli uomini più abietti sono in cielo dove occupano posti on-orifici, Satana dice al mondo: « Poco importa quanto malvagi siete; poco importa se credete o no in Dio e nella Bibbia. Vívete come vi piace: il cielo è la vostra dimora ». Gli insegnanti spiritisti virtualmente dichiarano: « Chiunque fa il male è gradito all'Eterno, il quale prende piacere in lui! », o: « Dov'è l'Iddio di giustizi-a? » Malachia 2: 17. La Parola di Dio dice: « Guai a quelli che chiaman bene il male, e male il bene, che mutan le tenebre in luce e la luce in tenebre » Isaia 5: 20.

Gli apostoli, impersonificati da questi spiriti bugiardi, contraddicono quanto scrissero sotto la guida dello Spinto Santo mentre erano sulla terra. Negano l'origine divina della Bibbia e demoliscono il fondamento della speranza cristiana, estinguendo la luce che indica la via del cielo. Satana fa credere al mondo che la Bibbia è pura finzione, o perlomeno un libro adatto all'infanzia dell'umanità, perciò la si può mettere da parte perché ormai superata. Al posto della Parola di Dio, egli esalta le manifestazioni spiritiche perché esse sono un mezzo mediante il quale può far credere al mondo ciò che vuole. Egli pone nell'ombra il Libro secondo il quale saranno giudicati lui e i suoi seguaci, perché a lui piace che il Salvatore del mondo sia considerato né più né meno che un uomo comune. Come i soldati romani di guardia al sepolcro di Gesù diffusero il falso rapporto suggerito loro dai sacerdoti. e dagli anziani per negarne la risurrezione, così chi crede nelle manifestazioni spiritiche cerca di far credere che nella vita di Cristo non c'è nulla di miracoloso. Dopo avere cercato così di relegare Gesù nell'ombra, gli spiritisti richiamano l'attenzione sui propri miracoli, dicendo che essi superano di molto le opere di Cristo.

t vero che oggi lo spiritismo sta cambiando forma e che, nascondendo alcuni dei suoi aspetti più discutibili, assume un aspetto cristiano. Però le sue affermazioni fatte pubblicamente o per mezzo della stampa sono da anni di dominio pubblico e rivelano il suo vero carattere. Questi insegnamenti non possono essere né negati, né tenuti nascosti.

Nella sua forma attuale, lungi dall'essere più inoffensivo di prima, in realtà esso è più perìcoloso per la sua sottile seduzione. Mentre una volta denunciava Cristo e la Bibbia, oggi afferma di accettarli entrambi. Ma l'interpretazione che dà della Bibbia, piacevole al cuore non rigenerato, annulla le sue solenni verità. L'amore è definito come principale attributo di Dio, ma viene abbassato alla stregua di un fiacco sentimentalismo, per cui in pratica non c'è nessuna distinzione fra il bene e il male. La giustizia dì Dio, la sua condanna del peccato, le esigenze della sua santa legge: tutto questo passa sotto silenzio. La gente è sollecitata a consìderare il Decalogo lettera morta e a prestare ascolto alle favole piacevoli e allettanti che accarezzano i sensi e spingono gli uomini a non accettare la Bibbia come base della loro fede. Cristo è negato come prima, però Satana accieca gli uomini a tal punto che essi non riescono a scorgere il suo inganno.

Pochi sono coloro che hanno un'idea esatta della potenza seduttríce dello spiritismo e del pericolo di cadere sotto il suo influsso. Molti vi si accostano semplicemente per curiosità. Non ci credono e sarebbero addirittura terrorizzati all'idea di essere dominati dagíi spiriti. Si avventurano, così, su un terreno proibito, e il grande seduttore esercita il suo ascendente su di essi, loro malgrado. Queste persone, una volta sottomesse alla sua guida, ne divengono prigioniere e incapaci dì spezzare, con le loro sole forze, l'incanto di quell'attrazìone. Solo la potenza di Dio, accordata in risposta alla fervida preghiera della fede, può rendere la libertà a quelle anime prese nel laccio.

Tutti coloro che accarezzano tendenze peccaminose o che coltivano volontariamente un peccato conosciuto, incoraggiano la tentazione di Satana, perché si separano da Dio e dalla cura vigilante dei suoì angeli; così, quando l'avversario attua i suoi inganni, essi si trovano indifesi e diventano sua facile preda. Coloro che in questo modo si mettono sotto il'suo potere non sanno dove andranno a finire. Il Tentatore, una volta che è riuscito a farli cadere, se ne servirà come suoi agenti per condurre altri alla rovina.

Dice il profeta Isaia: « Se vi si dice: "Consultate quelli che evocano gli spiritì e gl'indovini, quelli che sussurrano e bisbigliano", rispondete: "Un popolo non devegli consultare il suo Dio? Si rivolgerà egli ai morti a pro de' vivi?" Alla legge! alla testimonianza! Se il popolo non parla così, non vi sarà per lui alcuna aurora » Isaia 8: 19, 20. Se gli uomini desiderassero ricevere la verità chiaramente esposta nelle Scritture circa la natura dell'uomo e lo stato dei morti, vedrebbero nelle pretese e nelle manifestazioni dello spiritismo l'azione di Satana accompagnata da segni e miracoli bugiardì. Ma piuttosto che rinunciare alla libertà così cara al loro cuore carnale e abbandonare i peccati che amano, moltitudini di persone chiudono gli occhi alla luce e vanno avanti senza tener conto degli avvertimenti, mentre Satana tesse le sue reti intorno a loro per farne sua preda. « Poiché non hanno aperto il cuore all'amor della verità per esser salvati... Iddio manda loro efficacia d'errore onde credano alla menzogna » 2 Tessalonicesi 2: 10, 11.

Quanti si oppongono all'insegnamento dello spiritismo, non lottano solo contro uomini, ma contro Satana e i suoi angeli. Essi lottano contro i principati, le potestà e gli spiriti malefici che sono nei luoghi celesti. Satana non cederà neppure un centimetro di terreno a meno che non venga costretto dalla potenza dei messaggeri celesti. Il popolo di Dio dovrebbe poterlo affrontare, come fece il nostro Salvatore, con le parole: « Sta scritto! ». Satana, oggi, cita le Scritture come fece al tempo di Cristo, falsandone il significato per sostenere le sue menzogne; perciò coloro che vogliono rimanere in piedi in questo tempo di pericolo debbono comprendere bene la testimonianza della Parola di Dio.

Molti saranno visitati da spiriti di demoni che impersonificheranno congiunti o amici defunti e che insegneranno le eresie più pericolose. Questi visitatori faranno appello alle nostre più tenere simpatie e compiranno miracoli per avvalorare le loro pretese. Dobbiamo essere preparati a contrastarli con la verità biblica secondo cui i morti non sanno nulla e che quanti si presentano così sono spiriti di demoni.

Dinanzi a noi si va profilando « l'ora del cimento che ha da venire su tutto il mondo, per mettere alla prova quelli che abitano sulla terra » Apocalisse 3: 10. Tutti coloro la cui fede non è saldamente fondata sulla Parola di Dio saranno sedotti e vinti. Satana opera « con ogni sorta d'inganno d'iniquità » per sopraffare i figliuoli degli uomini, e i suoi inganni andranno progressivamente crescendo. Però egli riesce a raggiungere il suo intento solo quando gli uomini cedono volontariamente alle sue tentazioni. Quelli che cercano sinceramente la verità e lottano per purificare le proprie anime con l'ubbidienza, troveranno nel Dio della verità una sicura difesa. « Perché tu hai serbata la parola della mia costanza, anch'io ti guarderò » Apocalisse 3: 10, promette il Salvatore. Piuttosto che lasciare soccombere sotto i colpi di Satana una sola anima che confida in lui, egli non esiterebbe a mandare tutti gli angeli del cielo in suo soccorso.

Il profeta Isaia mette in evidenza la terribile illusione degli empi, i quali si ritengono al sicuro contro i castighi di Dio: « Noi abbiam fatto alleanza con la morte, abbiam fermato un patto -col soggiorno de' morti; quando l'inondante flagello passerà, non giungerà fino a noi, perché abbiam fatto della menzogna il nostro rifugio e ci siam messi al sicuro dietro la frode » Isaia 28: 15. Di questa categoria di persone fanno parte coloro che nella loro ostinata impenitenza si consolano con la certezza che il peccatore non sarà punito e che l'intera umanità, anche se corrotta, sara accolta in cielo e diverrà simile agli angeli di Dio. Ancora più enfaticamente, però, coloro che ripudiano la verità provveduta dal cielo come difesa dei giusti nell'ora della prova e accettano, invece, il rifugio menzognero dello spiritismo, stipulano un patto con la morte e un accordo con l'inferno.

Quasi inconcepibile è l'accecamento della nostra generazione. A migliaia rigettano la Parola di Dio come non degna di fede, e con fervida fiducia accettano. gli inganni di Satana. Gli scettici e gli schernitori accusano di bigottismo coloro che lottano per la fede dei profeti e degli apostoli, e mettono in ridicolo le solenni dichiarazioni delle Scritture relative a Cristo, al piano della salvezza e alla retribuzione riservata a chi rigetta la verità. Essi ostentano una grande compassione per le menti così strette, così deboli e così superstiziose che riconoscono le esigenze di Dio e ubbidiscono alle prescrizioni della sua legge. Essi manifestano una grande sicurezza come se, effettivamente, avessero fatto un patto con la morte e preso degli accordi con l'inferno; come se avessero innalzato una invalicabile e impenetrabile barriera fra loro stessi e la vendetta di Dio. Nulla può spaventarli perché hanno talmente ceduto al Tentatore, si sono uniti così intimamente a lui e sono talmente imbevuti del suo spirito da non avere più né la forza né la volontà di spezzare le sue catene.

Satana da tempo sta preparando l'ultimo assalto per sedurre il mondo. Il fondamento della sua opera fu gettato con l'affermazione fatta a Eva in Eden: « No, non morrete affatto ». « Nel giorno che ne mangerete, gli occhi vostri s'apriranno, e sarete come Dio, avendo la conoscenza del bene e del male » Genesi 3: 4, 5. A poco a poco, egli ha preparato la strada per il suo capolavoro di seduzione: lo spiritismo. Satana non ha ancora raggiunto il pieno adempimento dei suoi progetti, ma lo raggiungerà all'ultima ora. Dice il profeta: « E vidi... tre spiriti immondi simili a rane... sono spiriti di demoni che fan de' segni e si recano dai re di tutto il mondo per radunarli per la battaglia del gran giorno dell'Iddio Onnipotente » Apocalisse 16: 13, 14. Eccetto coloro che sono protetti dalla potenza di Dio, mediante la fede nella sua Parola, il mondo intero sarà travolto da questa terribile seduzione. L'umanità sonnecchia in una falsa sicurezza da cui sarà strappata dalla manifestazione dell'ira di Dio.

Dice il Signore: « lo prenderò il diritto per livello, e la giustizia per piombino;' la grandine spazzerà via il rifugio di menzogna, e le acque inonderanno il vostro ricetto. La vostra alleanza con la morte sara annullata, e il vostro patto col soggiorno de' morti non reggerà; quando l'inondante flagello passerà, voi sarete da esso calpestati » Isaia 28: 17, 18.


Back ] Up ] Next ]